Il boom del fotovoltaico in Europa ed in Italia

Il boom del fotovoltaico in Europa ed in Italia

Il boom del fotovoltaico: perché è sempre più diffuso in Europa ed in Italia?

Home » Il boom del fotovoltaico in Europa ed in Italia

 

Negli ultimi anni in Europa, Italia compresa, c’è stato un vero e proprio boom del fotovoltaico. Questo tipo di impianti a fonti rinnovabili si è attestato come il più importante strumento di produzione di energia rinnovabile.

Sicuramente, a contribuire al boom del fotovoltaico c’è la crescente volontà da parte delle persone di ricorrere a fonti di energia rinnovabile per abbattere i costi delle bollette. Con i recenti rincari infatti pagare le bollette dell’elettricità e del gas è diventato sempre più un lusso per famiglie ed imprese italiane. La guerra fra Russia e Ucraina ha infatti generato una crisi energetica senza precedenti, “costringendo” famiglie ed imprese a trovare soluzioni alternative per soddisfare i loro fabbisogni energetici.

Ma non solo. Produrre energia elettrica sfruttando i raggi del sole è anche un ottimo modo per abbattere le emissioni di CO2 e di tutti gli altri gas serra. Sono questi ultimi infatti i responsabili del fenomeno del surriscaldamento globale che sta provocando sempre più gravi cambiamenti climatici con tutte le loro disastrose conseguenze.

Le stime che riportiamo qui di seguito restituiscono la dimensione del boom del fotovoltaico. La produzione di energia dai pannelli solari potrebbe infatti aumentare di 12 GW entro il 2022, arrivando ad un totale di 39 GW. Una stima che potrebbe addirittura portare questi numeri ad essere ancora più consistenti entro il 2050. D’altronde, l’obiettivo dell’Europa è chiaro: fare in modo che proprio entro il 2050 tutta l’energia prodotta nel vecchio continente sia sostenibile (Scopri di più qui).

L’utilizzo del fotovoltaico nei vari Paesi europei

Secondo le ultime stime nel 2022 il fotovoltaico avrebbe registrato un vero e proprio boom crescendo del 34%. Ad investire nell’energia ricavata dai raggi solari sarebbero stati in particolare proprio i 25 Paesi che fanno parte dell’Unione Europea, installando degli impianti fotovoltaici in grado di produrre energia per alimentare i propri elettrodomestici o sistemi di riscaldamento elettrici o altri dispositivi elettrici.

Ma quali sono i Paesi europei che più di tutti hanno installato degli impianti fotovoltaici?

Il paese più virtuoso e che ha contribuito più di tutti al recente boom del fotovoltaico è la Germania che dovrebbe chiudere l’anno con altri 7,4 GW installati. A seguire ci sono Spagna e poi, Paesi Bassi, Polonia e Francia che invece dovrebbero installare circa 3 GW. Di recente altri Paesi, come Danimarca, Svezia, Belgio e Portogallo, hanno iniziato ad investire nel fotovoltaico. L’Italia invece nei primi 10 mesi del 2022 ha installato circa 2 GW di impianti fotovoltaici raggiungendo i 24.462 MW di potenza installati.

Perché si assiste ad un boom del fotovoltaico

Perché si sta verificando un vero e proprio boom degli impianti fotovoltaici? Sicuramente analizzare le risposte a questa domanda è fondamentale per capire quali potranno essere le future tendenze in merito al fotovoltaico.

Innanzitutto per analizzare i motivi dietro al boom del fotovoltaico è necessario considerare la consapevolezza, sempre crescente  nei confronti dei cambiamenti climatici che rappresentano una vera e propria minaccia per il Pianeta. Fino a pochi anni fa, l’uomo ha utilizzato le risorse naturali non rinnovabili senza ritegno, determinando un impatto dannoso sull’ambiente. Prendiamo ad esempio il petrolio o il gas metano: estrarre queste risorse, oltre ad essere finite e quindi destinate ad esaurirsi, significa recare danni incalcolabili all’ambiente. Ma non solo, utilizzare queste risorse significa anche produrre notevoli quantità di gas serra che non faranno altro che provocare ulteriori danni all’ambiente.

Ricorrere al fotovoltaico però non solo contribuisce a salvaguardare l’ambiente ma aiuta anche a risparmiare anche sui costi energetici da pagare in bolletta. Risparmi che provengono da una minore necessità di energia elettrica prelevata dalla rete nazionale e quindi a pagamento, e quindi dall’autoconsumo fotovoltaico.

Ma non solo. I risparmi possono essere incrementati anche dal far parte di una comunità energetica. In questo modo infatti, tutti i soggetti che ne fanno parte, producono energia da impianti fotovoltaici e condividono questa energia fra di loro. Il risultato di fatto è quello di ottimizzare l’autoconsumo per tutti i membri della comunità oltre a far godere loro di speciali tariffe incentivanti su quell’energia che dovranno prelevare comunque dalla rete elettrica nazionale.

Infine esistono delle agevolazioni fiscali per coloro che decidono di ricorrere al fotovoltaico particolarmente vantaggiose. Ne parliamo meglio qui!

Non perderti le ultime novità sul fotovoltaico e sulle Comunità Energetiche. Compila il modulo che trovi in questa pagina con i tuoi dati per rimanere aggiornato!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?