RECON, il portale di ENEA per supportare le comunità energetiche

RECON, il portale di ENEA per supportare le comunità energetiche

Recon è il portale ENEA che aiuta a valutare se ed a quali condizioni è possibile costituire una comunità energetica rinnovabili con pochi semplici passaggi

Home » RECON, il portale di ENEA per supportare le comunità energetiche

 

Quello che sta per arrivare si preannuncia un inverno particolarmente difficile per famiglie ed imprese italiane a causa anche della crisi energetica. La Russia, dopo aver a lungo minacciato il taglio delle forniture ha deciso di attuare queste minacce, mettendo a serio rischio la nostra possibilità di riscaldarci.

Il nostro paese, dal canto suo, ha poche opzioni per riuscire a passare indenne questa crisi energetica. Una di queste opzioni è senza dubbio quella delle comunità energetiche.

Precisiamo subito che nonostante questa sia una possibilità concreta, da un punto di vista politico le cose sono abbastanza complicate. Dopo la conversione in legge del decreto Milleproroghe 162/2019 che recepisce la direttiva europea RED II, si attende ancora il decreto attuativo da parte del ministero della Transizione Ecologica. Nonostante tutto, le lentezze legislative non hanno fermato l’entusiasmo dei cittadini che hanno inoltrato molte richieste per la realizzazione delle comunità energetiche. Per approfondire l’argomento puoi leggere la nostra guida su come creare le comunità energetiche cliccando qui.

Un fermento che ENEA ha saputo cogliere ed alimentare visto che nel maggio 2021 ha lanciato RECON, il simulatore online che aiuta a capire se e a quali condizioni è possibile creare una nuova CER. RECON quindi non è altro che un portale web che tramite alcune indicazioni fornite dall’utente è in grado di valutare da solo possibili rischi e valide opportunità.

Abbiamo cercato di spiegare approfonditamente gli obiettivi di questo portale qui di seguito analizzando anche alcuni dei numeri da esso derivati per sottolineare come le C.E.R. siano attese da molti.

I numeri di RECON dal suo avvio fino a oggi

Come abbiamo avuto modo di spiegare precedentemente, RECON è lo strumento sviluppato da ENEA per la valutazione economica delle comunità di energia rinnovabile e degli autoconsumatori collettivi.

Questo strumento è stato rilasciato online a maggio 2021 ed è stato utilizzato da più di 1650 utenti che hanno inserito 2330 progetti di cui circa 1700 sono stati simulati (statistiche al 12 luglio 2022).

Ogni giorno si registrano su RECON tra i 120 ed i 150 utenti tra enti pubblici, operatori del settore energetico, progettisti, installatori e manutentori ecc con una percentuale significativa di privati cittadini.

RECON inoltre è utilizzato da diversi enti locali e aziende che stanno progettando comunità energetiche e che hanno sottoscritto accordi di collaborazione con ENEA.

Possiamo quindi affermare che benché ancora si attendano gli sviluppi legislativi in merito alle comunità energetiche c’è molto interesse attorno ad esse. I numeri parlano chiaro.

Le regioni più avanti con le comunità enegetiche

La regione per la quale sono state fatte maggiori simulazioni tramite RECON è la Lombardia, seguita dal Lazio e dall’Emilia Romagna.

Tuttavia c’è un altro dato significativo da prendere in considerazione. Gli utenti che hanno simulato le comunità energetiche non sono localizzati solo in alcune regioni d’Italia ma in tutte. Almeno in questo caso quindi non c’è disparità tra Nord e Mezzogiorno.

I dati sull’autoconsumo collettivo

Circa metà delle simulazioni su RECON riguardano progetti di autoconsumo collettivo. Questa configurazione è particolarmente interessante, soprattutto nei contesti cittadini. Inoltre ha anche un elevato potenziale di replicabilità.

Infine, la configurazione dell’autoconsumo collettivo non è in contrasto con le disposizioni transitorie dell’art. 42 bis della legge n.8/2020, anzi ci si adatta a pennello.

NOrmativa di riferimento per recon

RECON è basato sull’art. 42 bis del decreto 192/2019 convertito in legge n. 8/2020 e sui relativi provvedimenti attutativi. In particolare questi sono i seguenti:

  • delibera ARERA n. 318/2020 per le caratteristiche delle CER e la restituzione delle componenti tariffare legate agli oneri di rete evitati,
  • DM MISE 16 settembre 2020 per l’incentivo sull’energia condivisa,
  • regole tecniche del GSE,
  • artt. 119 e 121 del decreto legge n. 34/2020 convertito in legge n. 77/2020 per quanto riguarda l’applicazione del Superbonus alle CER e agli autoconsumatori collettivi.

Ovviamente, RECON dovrà essere aggiornato qualora dovesse essere approvato il nuovo decreto attuativo sulle comunità energetiche. Un aggiornamento che però non sarà sostanziale ma che servirà ad apportare piccole correzioni.

La ueser experience di RECON è pensata per tutti, non solo per i “tecnici”

Quando ENEA ha progettato RECON ha posto particolare attenzione alla semplicità di utilizzo e al tipo e al numero di dati di input. Solo cosi il portale può essere uno strumento davvero utile ma soprattutto utilizzabile da tutti i normali cittadini che non hanno competenze tecniche specifiche. Ad esempio, i dati sui consumi elettrici sono facilmente ricavabili dalle bollette e sono richiesti con la stessa terminologia.

Possiamo quindi affermare che oltre alla funzione di simulatore, RECON svolge anche una funzione informativa. Grazie a questo portale infatti i cittadini possono accrescere la loro conoscenza nei confronti dell’uso consapevole e razionale dell’energia. Così facendo si favorisce il loro coinvolgimento attivo nella transizione energetica di cui le comunità energetiche rappresentano una delle applicazioni più interessanti.

Per rimanere aggiornato o per richiedere ulteriori informazioni compila il form che trovi in questa pagina ed aspetta di essere ricontattato da un nostro operatore!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?